STRING

(redirected from stringendo)
Also found in: Dictionary, Wikipedia.
AcronymDefinition
STRINGStringendo (music; pressing, accelerating)
STRINGSearch Tool for the Retrieval of Interacting Genes/Proteins (database)
References in periodicals archive ?
Per contrasti sorti con il marito di Fiammetta Soderini della quale si era innamorato, fu costretto a recarsi a Venezia dove rimase fino al 1542 stringendo amicizia con Pietro Aretino.
"O cor diletto della vita mia, lo mio debito officio ha 'vuto effetto, non ti mancava altro in compagnia che teco mora come hebe gia detto"; aqua bevet[t]e avenenata e ria e con la coppa si n'ando sul letto, stringendo a se lo cor de l'amatore morte chiamando trame di dolore.
L'aspreza del dolor havea rinchiuso el cor del padre che non movea passo, risponder non poteva ne alzarsi suso; Gismonda alhora con la testa abasso stringendo a se quel cor morto e confuso, disse ver le compagne: "A Dio vi lasso," e tal parola a Dio havea finita col cor in man passo di questa vita.
Stringendo u denti, quasi piangendo dal dolore, raggiinse la fermata dell'altobos piu vicono e lo aspetto, temendo di svenire.
Elsa chiuse le conditture dell'acqua stringendo il rubinetto che stava sotto la caldaia, alzo il coperchio della tazza del gabinetto e depose la sacca al sio interno.
"Ma lei come lo sa?" chiese, stringendo le mani sulla cerniera della borsa.
Then, disconsolate in her Portuguese destiny, "diceva, andiamo via, saudade si ma a basse dosi," before reciting a poem where Alvaro de Campos struggles with the subjective experience and objective concept of time, "una persona e alla stessa finestra della sua infanzia, ma non e piu la stessa persona e non e piu la stessa finestra" (16), and evoking the rovescio again: "mi diceva [...] viviamo questa vita come se fosse un reves, per esempio stanotte, tu devi pensare che sei me che stai stringendo te fra le tue braccia, io penso di essere te che sto stringendo me fra le mie braccia" (17).
Come in una sorta di staffetta letteraria, Cecchi strizza l'occhio a Borgese e precisa la sua dimenticanza: <<fu Bernhard Berenson che, giungendo dal mare a Nuova York e scorgendo i primi grattacieli, li paragono alle torri di San Gimignano>>, stringendo un'analogia che e <<ancora oggi assai calzante)) (77).
Ricordo soprattutto quelli avvenuti a casa di Natalia Ginzburg, presso cui Cesare si appoggiava nelle sue fugaci apparizioni romane (a Roma, in Via Gregoriana, aveva abitato per vario tempo nei suoi anni giovanili, stringendo intensi rapporti d'amicizia in particolare con Niccolo Gallo, Elsa Morante, Attilio Bertolucci, Mario Pannunzio, Vittorio Foa, oltre che, ovviamente, con lo stesso Delfini).
II, "'Laconismi patrocinium': i fondamenti del fiammingo Ericio Puteano", 113-124), che soggiorna lungamente a Milano, stringendo rapporti con l'erudito Giovanni Ambrogio Biffi, traduttore di alcuni suoi scritti, e intrattiene rapporti epistolari con il Malvezzi.
Il suo regno nasce in prigione e in prigione prospera, visto che sempre rinchiuso in carcere (salvo un'unica parentesi di neppure un anno) il geniale imprenditore camorrista riesce a gestire i suoi affari, stringendo alleanze e combattendo una doppia battaglia con la polizia e la vecchia camorra.